Pellet contaminato 2020

Il Dio denaro prende nuovamente il sopravvento, perchè non far diventare pellet qualcosa di oneroso da smaltire?

I carabinieri campani hanno sequestrato oltre 20 tonnellate di pellet fatto da scarti pericolosi alla salute delle persone.
Brutto da scrivere perchè sporca la reputazione del pellet, il combustibile ecologico amico dei cittadini, ma non devi mai dare per scontato che tutti i pellet siano sicuri, brucino bene oppure, dato che hai la caldaia autopulente, puoi bruciare qualunque cosa.

Sostanze non testate possono rovinare il tuo generatore, stufa o caldaia che sia!
Potrebbe darsi che la vernice messa in tale pellet, durante la combustione, raggiunga temperature troppo alte oppure che crei dei gas capaci di bucare/corrodere la camera di combustione.

Quando vengono bruciare delle sostanze dannose, l’aria che respiri è inquinata maggiormente (anche perchè è quella che esce sopra il tuo tetto) e non è più un problema economico, come la sostituzione di un componente, ma è la salute a pagarne le conseguenze.

Tutto quanto successo lo trovi specificatamente descritto nel sito dei carabinieri al seguente link.
https://www.carabinieri.it/cittadino/informazioni/comunicati-stampa/ambiente-cc-forestali-sequestrano-pellet-contaminato

Cosa può essere utile da ricordare?

Il pellet diviene sempre più lo specchietto per le allodole per pubblicizzarsi. Ogni anno chi vende cerca di spendere meno per guadagnare di più e dall’altra parte chi compra cerca di difendersi meglio per non essere fregato.

Se ti sei trovato bene con il pellet dell’anno scorso e con chi te l’ha venduto può far solo che bene cercare di migliorare il rapporto per aumentare la fiducia reciproca.

Per il resto il mio pellet lo trovi qui
https://www.ottoni.eu/combustibili-pellet/1-ceze-pellet.html

Commenti

commenti