Quali apparati a biomassa possono essere installati?

Stelle per stufe e camini, attenzione all’acquisto

Pellet e legna? arrivano le stelle?

La tua stufa quante stelle ha?

E’ entrata in vigore la certificazione ambientale di stufe/caldaie/camini. La classificazione viene effettuata tramite delle stelle, infatti in base al numero di stelle l’apparato può o non può bruciare. In sostanza un generatore di calore che ha poco rendimento, emana molte polveri e inquina più del dovuto NON POTRÀ PIÙ funzionare.

E’ importante sapere che in circolazione ci sono generatori che non potranno più funzionare a partire da gennaio 2020.

Attenti alle stufe in offerta perché in stock, potrebbero anche essere ferro vecchio da discarica se non lo sai riconoscere. Infatti se compri un apparato ad una stella devi sapere che non potra più funzionare, ma non solo dovra essere installato entro ottobre 2018.

Limitazioni delle stelle:
  • 1 e 2 stelle, questi generatori dovranno essere installati entro ottobre 2018 e dal 01/01/2020 non potranno più funzionare
  • 3 stelle, questi generatori potranno andare sempre tranne i periodi di blocchi per l’inquinamento (es. quando ci sono blocchi di macchine a targhe alterna, i 3 stelle non potranno essere utilizzati)
  • 4 e 5 stelle, possono funzionare sempre senza restrizioni!

Quindi, un’informazione importante che DEVI APPRENDERE è: informati prima di fare acquisti per non ritrovarti ferro vecchio in casa.

La manutenzione è una truffa, se non sai come farla


Scalda sicuro con una
VERA MANUTENZIONE
alla tua stufa!

Altra cosa da non sottovalutare è la manutenzione alla stufa. Dal 2014 è obbligatoria e l’itervallo tra una manutenzione e l’altra è a indiscrezione del fabbricante del generatore. D’obbligo normativo è almeno una volta ogni 24 mesi, anche se in Lombardia una delibera sottolinea la necessità di farla ogni 12. Purtroppo però ci sono alcuni pseudo manutentori, che, solo perchè abilitati a firmare il libretto, fanno pagare la pulizia poco e quindi fanno un lavoro senza controlli e approssimativo. Quindi ti troverai il libretto a posto ma la stufa messa male.

Quali generatori possono essere installati per riscaldare?

Le pompe di calore hanno rischi?

La nuova frontiera del risparmiatore è l’impianto a pompa di calore, che in una casa ad alto isolamento può veramente consumare poco. Ma attenzione che anche loro hanno bisogno di installazione e  manutenzione competente.

  • dentro la pompa di calore c’è un gas altamente tossico
  • il gas è esplosivo

Anche le pompe di calore hanno rischi?
La pompa di calore deve essere lontano dalla fiamma

C’è possibilità di intossicazione anche con le pompe di calore, a casusa dei gas R410 e R32, che ha un limite di infiammabilità molto alto, quindi il pericolo c’è anche con i condizionatori.

La maggior parte dei venditori di caldaie e climatizzatori, conosce un terzo dei pericoli presenti nei ai vari generatori, perchè le aziende produttrici, li omettono,per non far cambiare idea al consumatore finale, per non rischiare di non vendere il loro prodotto. Non è solo l’impianto a gas che è pericoloso, ma anche l’apparato stesso, in quanto necessità di una manutenzione puntuale ed attenta.

Sapevi che il rubinetto del gas va mautentato 2 volte all’anno?

Il prezzo del gas è destinato ad aumentare

Il gas r410 è desinato ad aumentare, perché tolgono dal mercato sempre più quote di gas, ma questo almeno ha solo effetti narcotici…di conseguenza  probabilmente si passerà al gas r32 che avrà un prezzo più basso, che invece è altamente esplosivo, quindi se hai un impianto fatto male, se ad esempio ha aria dentro, se ha una perdita in aspirazione, se è sporco, non sentirti troppo al sicuro… l’r 32 è un gas infiammabile ma diventerà uno standard perché avrà un prezzo basso. IL GAS E’ DIFFICILE E PERICOLOSO DA INSTALLARE, MANUTENTARE, I COSTI AUMENTANO, SE COL 410 IN UNA STANZA SI SONO INTOSSICATI IN 30 CON IL GAS R32 PUO’ ESPLODERE L’EDIFICIO.

Siamo sicuri che chi monta la caldaia a gas sa cosa sta facendo?

Richiedi la tua consulenza gratuita
Facebook
Facebook
YouTube
Twitter
LinkedIn

Commenti

commenti