Come pulire la stufa a pellet?

[et_pb_section admin_label=”section”][et_pb_row admin_label=”row”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Testo”]

Pulire la stufa

Nella nostra mente da italiano medio, quando è uscito l’obbligo della pulizia stufa, è immediatamente partita una bestemmia con l’aggiunta di un canchero e il pensiero “UN ALTRO MODO PER RUBARCI DEI SOLDI”. Effettivamente per noi italiani la parola obbligo è uguale a fregatura o chiavata nel didietro! Ti faccio qualche sinonimo

  1. tagliando macchina per emissione = ci obbligano a spendere 50€ per niente
  2. casco con il motore = ci obbligano a comprare il casco
  3. Cintura in auto = ci possono multare, ma saranno anche ca..i miei se faccio un incidente
  4. non bere alla guida = scusa per darci una multa
  5. eccesso di velocità = non sanno più come chiederti i soldi, non sarà per 10 all’ora
  6. pagare le tasse = avere meno stipendio, ci rubano quelli per non darti niente in cambio
  7. non telefonare alla guida = per venderti il vivavoce
  8. pulizia caldaia a gas = obbligo con lardata

Ma di questi sinonimi e contrari ce ne sono altri mille.

Ora il punto è che se tu pensi che tutto quello scritto sopra sia vero non andare aventi a leggere perché ti farei perdere del tempo, probabilmente sei una persona molto forte che riesce a controllare il suo essere e non avere disavventure per colpa di terzi.

Il casco

L’esempio classico è quello del casco, solitamente tanti non si mettono il casco perché dicono “tanto non cado” anche se a volte basta un semplice moscerino per finire dentro al fosso, romperti una gamba, stare fermo tre mesi e buona che non siano di più!

Ma tanto il casco non ti avrebbe salvato la gamba!

Si è vero, ma è anche vero che se avevi il casco non ti sarebbe entrato il moscerino!

Io, martedi 10 giugno del 2003 ho fatto un incidente dove per poco non ci lascio le penne. Era un periodo che vivevo sano, tranne le ore di sonno che erano ridotte a 4/5 di media…

Era martedì ed ero con un mio amico a festeggiare in discoteca vicino al lago di Garda. La serata era tutta tranquilla, avevo sorseggiato un drinks di coca e rum (ne avevo bevuto veramente poco perché era un periodo che correvo molto e non volevo inquinarmi). Non ero arrivato nemmeno a metà! Alle 3 di notte scelgo di partire per portare a casa un’amica (a Desenzano) per poi tornare verso la mia dimora. Fermatomi a Desenzano pochi minuti (non per precocita ma per serata in bianco) mi avvio verso Sarginesco city. Essendo tardi il mio piede è più peso del solito e all’altezza di Guidizzolo avviene il BOTTO!

Mi schianto contro un camion

Quella sera non arrivai a casa, mio padre e mia madre ricevettero una bruttissima chiamata… Suo figlio ha fatto un incidente! Era il primo…

Appena fatto l’incidente sembrò che non mi fossi fatto niente: parlavo, raccontavo, ero solo un po’ agitato. Ma quando il dottore (che casualmente era amico di mia madre) mi mise dentro la tac, pensò che non ci fosse più nulla da fare!

  • Milza spappolata
  • emorragia al fegato
  • polmoni bucati
  • costole inclinate

E questa è stata la prima diagnosi… ed iniziarono ad operarmi. E LI CI FU IL BRUTTO

Inizia immediatamente a fare degli arresti cardiaci (che alla fine furono 4), cambiai 5 sacche di sangue ed iniziai ad essere operato a Castiglione delle Stiviere e finii al Policlinico di Modena, viaggio in elicottero e 36 ore di operazione.

Ma sono vivo

Passato il momento dove ero più morto che vivo ci furono i giorni per assicurarsi che non ci fu il rigetto del fegato (anche se fu un auto trapianto) e circa 20 giorni di convalescenza con aggiunta di circa altri 3 mesi per riprendere forze e agilità!

Cosa sarebbe stato se avessi avuto la cintura? o meglio ancora: come sarebbe stato se avessi vissuto in modo più normale?

Sarebbe bastato forse una cintura per evitare una distruzione interna, o semplicemente andare più piano, o ancora dormire un po’ di più nei giorni precedenti per non passare un’estate, la  più calda negli ultimi 20 anni, in casa senza poter fare un bagno al mare e andare avanti ed indietro per ospedali a fare controlli!

Le regole delle stufe

Dopo questo aneddoto, ti spiego qualche cosa sulla stufa. L’obbligo della pulizia è stato fatto per la tua sicurezza, magari tu sei uno di quelli che la stufa la tiene bene, la pulisce in profondità, la cura e quindi sei fuori dai pericoli. Pericoli come esplosioni, rotture di vetri, aumento di batteri…

Ma se il tuo vicino non lo fa?

L’obbligo della pulizia

L’obbligo nasce per mettere tutti allo stesso livello… poter mettere tutti al punto di sicurezza. In aggiunta una pulizia professionale ti permette di avere più durata, più rendimento e meno malattie!

Il marchio fuocosicuro non è la sola pulizia o la sola installazione, ma il funzionamento della tua stufa, seguito come se fosse la mia!

Il motivo della nascita di questo è per migliorare l’aria della tua casa, perché tu possa respirare meglio e non inspirare germi parassiti che giacciono nella tua stufa!

Hai ragione a sentirti fregato!

Appena nasce un obbligo, nasce anche uno che per farti risparmiare omette il vero significato della normativa. In esempi chiari:

  1. bollino blu della macchina nasce per inquinare meno, poi trovi il meccanico che fa finta di farti il controllo e ti fa a meno il bollino
  2. pulizia caldaia a gas, invece che controllare accuratamente i tubi, che non ci siano perdite, ti fa una cosa veloce tanto per fare ad una cifra ridicola (tanto il gas non è pericoloso)

Mentre la pulizia della stufa a pellet?

La pulizia della stufa a pellet è uguale a tutto il resto dell’Italia. Trovi chi te la fa a 50€ e in realtà non ti pulisce niente, oppure chi ti fa un chiaro servizio di pulizia!

Please accept YouTube cookies to play this video. By accepting you will be accessing content from YouTube, a service provided by an external third party.

YouTube privacy policy

If you accept this notice, your choice will be saved and the page will refresh.

Ovviamente se intanto che leggi pensi che sia inutile pulire la stufa, non andare avanti, non cliccare, perdi solo del tempo, di quelli che non vogliono le cose fatte bene, in giro c’è pieno. Non voglio che mi chiami e mi dici che tanto puoi farne a meno, che tanto non conta niente… Conosco persone brave che si smontano completamente la stufa, che lubrificano i cuscinetti, che lubrificano la stufa… ma per altri pulire la stufa è dargli una spolverata… se ti accontenti di una cosa banale non cliccare giu!

Ovviamente se vuoi lo sconto… scrivimi un commento e ti giro il buono!

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Facebook
Facebook
YouTube
Twitter
LinkedIn

Commenti

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.